Settimana  del seminario invernale della Scuola di Dottorato

del Pontificio Istituto di Musica Sacra

Da lunedì 18 febbraio, ore 15 a venerdì 22 febbraio, ore 9

dedicato a

 

MODALITÀ E POLIFONIA:

L’ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO SONORO DELLA POLIFONIA CLASSICA

 

Presentazione:

Molte e differenti sono state, lungo i secoli, le strategie organizzative che i compositori hanno messo (e tuttora mettono) in opera per rendere discreto il continuum del flusso musicale e provvedere così l’esecutore e l’ascoltatore di articolazioni strutturali utili a cogliere sia la coesione interna di un brano sia la sua tensione verso una meta più o meno predeterminata.

Tra il XV e il XVII secolo, l’organizzazione dello spazio sonoro delle composizioni polifoniche è retto da ciò che si è soliti definire modalità, un fenomeno di lunga data già all’opera nell’octoechos del canto liturgico monodico cosiddetto “gregoriano” ma che proprio in quell’epoca subisce una sostanziosa rilettura teorica che giunge, con Glareano, fino a una vera e propria riorganizzazione globale.

Attraverso le categorie modali e gli elementi collegati – primi fra tutte le cadenze – i compositori del Rinascimento definiscono non soltanto una sintassi costruttiva strettamente intrecciata al contrappunto, ma anche uno sfondo sul quale articolare una sorprendente gamma di possibilità espressive ed esegetiche dei testi (liturgico o secolari) che scelgono di intonare.

Il seminario si propone pertanto di offrire gli strumenti tecnico-analitici per comprendere quel fenomeno – e intendere così più profondamente le composizioni di quei secoli – e al tempo stesso di illustrare le difficoltà a esso connesse che, tra gli ultimi decenni del XX secolo e i primi del XXI, hanno suscitato un ampio e infiammato dibattito nella musicologia internazionale.

 

 

Programma del seminario:

• Il concetto di modo e il sistema degli otto modi nella teoria e nella pratica musicale del Medioevo e del Rinascimento.

• La solmisazione e la trasposizione modale.

• La cadenza nel repertorio polifonico: tassonomia e funzioni.

• L’ampliamento del sistema da otto a dodici modi e i mutamenti nello spazio tonale tra Cinquecento e Seicento.

• L’organizzazione dello spazio sonoro rinascimentale nel dibattito musicologico contemporaneo.

• L’uso della modalità come strumento espressivo-esegetico.

 

Docente

Daniele Sabaino

Professore di Modalità e di Storia della musica dei riti cristiani presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia (sede di Cremona)

 

Gli Studenti ordinari e straordinari del PIMS interessati, possono partecipare presentando domanda in Segreteria entro giovedì 14 febbraio.

Sono ammessi Studenti uditori esterni previa domanda da presentare al Preside dell’Istituto, entro giovedì 14 febbraio p.v.