Accesso

Per essere ammessi a frequentare i corsi del pims è necessario essere in possesso del titolo di studio che, nel Paese di provenienza, consente l’accesso agli studi universitari. Si può essere iscritti in qualità di:

–     studente ordinario, dopo aver superato l’esame di ammissione (vedi 1.7.), frequentando tutte le attività formative previste dall’ordinamento dell’indirizzo scelto;

–     studente straordinario, relativamente ad un numero limitato di attività formative di natura collettiva, previo il consenso dei relativi Docenti e l’approvazione del Prefetto degli Studi, con la possibilità di tesaurizzare i relativi crediti superata la prova d’esame.

–     studente uditore, previo parere favorevole del Prefetto degli Studi e dei relativi Docenti, con la facoltà di assistere alle lezioni delle attività formative di natura collettiva, senza tesaurizzarne la frequenza né sostenerne gli esami;

–     studente del Biennio (Licenza) di Pianoforte, dopo aver superato l’esame di ammissione.

 Iscrizione e immatricolazione

L’iscrizione al pims avviene tramite la consegna dell’apposito modulo di immatricolazione, disponibile presso la Segreteria o scaricabile dal sito internet, da presentare tra il 15 giugno e il 20 settembre.

Al termine degli esami di ammissione la Segreteria renderà noto l’elenco degli studenti ordinari ammessi alla frequenza. Essi dovranno ratificare l’iscrizione pagando le tasse previste e firmando la relativa scheda personale in Segreteria, alla quale dovranno allegare:

1)   il titolo di studio in originale o copia autenticata che nel Paese di origine consente l’accesso all’istruzione universitaria e, per i documenti non rilasciati da istituzioni italiane, la relativa traduzione giurata;

2)   il certificato di battesimo e di cresima per i laici cattolici;

3)   un attestato di sana e robusta costituzione fisica;

4)   la certificazione degli studi musicali compiuti e un curriculum vitæ;

5)   la lettera di presentazione del proprio Ordinario religioso (per i sacerdoti), del proprio Superiore (per le religiose e i religiosi), dell’Ordinario della Diocesi di provenienza (per i laici);

6)   una fotocopia del documento di riconoscimento, da esibire in originale alla consegna del modulo;

7)   due fotografie formato tessera.

In ottemperanza alle norme vigenti in Italia in materia di immigrazione, lo studente non in possesso di cittadinanza italiana dovrà altresì consegnare:

1)   una copia del permesso di soggiorno, da esibire in originale alla consegna del modulo;

2)   una copia del visto rilasciato “per motivi di studio” in corso di validità, da esibire in originale alla consegna del modulo;

3)   la dichiarazione di responsabilità (o “presa in carico”) rilasciata da un ente o da un privato in grado di garantire allo studente le spese di vitto, alloggio ed eventuale assistenza sanitaria; in alternativa, la dichiarazione di un’istituzione che ha erogato una borsa di studio finalizzata alla frequenza dei corsi presso il pims.

Gli studenti laici che provengono da Paesi non aderenti al Trattato di Schengen, oltre a consegnare la lettera di presentazione dell’Ordinario della Diocesi di provenienza, dovranno consegnare la dichiarazione di responsabilità (o “presa in carico”) riguardante il pagamento di vitto, alloggio e spese mediche; su di essa dovrà essere apposto il nulla osta dell’Ordinario della Diocesi italiana di appartenenza dell’ente o del privato che la rilascia; in caso di dichiarazione di automantenimento da parte dello studente, in calce al documento deve essere apposto il visto dell’Ordinario del Paese di origine.

Gli studenti appartenenti a religioni diverse da quella cattolica possono essere ammessi previo nulla osta rilasciato dal Preside, in seguito alla presentazione di una specifica domanda scritta di ammissione all’Istituto. A questa andrà allegata una lettera di presentazione del superiore territoriale della religione di appartenenza, nonché una lettera di “presa in carico” rilasciata da un ente o da un privato. Entrambi i documenti sopra citati devono ricevere il nulla osta del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei Cristiani o del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso. Sia lo studente che il privato che eventualmente ne garantisce la “presa in carico” devono ottenere, da parte di un’Autorità Cattolica, una dichiarazione che ne testimoni la conoscenza e la rettitudine morale.

L’iscrizione dovrà essere rinnovata annualmente per tutto il periodo di permanenza al pims, tramite il modulo di conferma da consegnare in Segreteria entro il 20 settembre. Entro la sessione autunnale di ciascun anno accademico, lo studente è tenuto a svolgere tutte le prove di esame relativo all’anno di corso frequentato. Diversamente, avrà facoltà di rinviarne alcune (pagando le sanzioni previste) per un periodo non superiore a due anni accademici.

Gli studenti straordinari ed uditori devono compilare il modulo di immatricolazione, al quale devono allegare i documenti sopra indicati, ad eccezione del titolo di studio, che può essere consegnato in copia. Anch’essi sono tenuti a ratificare l’iscrizione pagando le tasse previste e firmando la relativa scheda personale in Segreteria.

 


CANTO DIDATTICO